Calzaturificio artigianale Ricci

Questo spazio è disponibile per la tua pubblicità su questo sito. Contattaci se desideri inserire la tua attività o il tuo prodotto su gentiluomodigitale.it

Camicie sartoriali Daniel Bozzo

Camicie sartoriali Daniel Bozzo Genova  Passione,qualità, servizio. Tre semplici parole per definire l’arte con cui Daniel Bozzo confeziona le sue camicie. Se sei interessato ad un vero prodotto artigianale di altissimo livello realizzato a mano, questo è l’uomo...

Golf club la Filanda Albisola

Questo spazio è disponibile per la tua pubblicità su questo sito. Contattaci se desideri inserire la tua attività o il tuo prodotto su gentiluomodigitale.it

Tenetevi forte: arriva il sandwich gourmet!

Come nasce il sandwich gourmet e perchè dovresti assaggiarlo Il Sandwich Gourmet è la vera idea gourmet del nuovo millenio: nasce dall'inventiva di Adamo Mastrorilli, imprenditore nel settore turistico e Giuseppe Venerito, imprenditore nel settore alimentare. I due,...

Dimora Antonella: relax con… gusto ad Ostuni

Dimora Antonella B&B ad Ostuni (BR) Dimora Antonella è una Villa Padronale di fine 800’, ristrutturata seguendo le orme degli antichi artigiani maestri dell’arredo e della pietra, situata a soli 3 km dal centro di Ostuni, incantevole gioiello della Murgia...

Giubbotti Riace in pelle riciclata

Giubbotti Riace in pelle riciclata.  Riace nasce da un’idea di Daniel Bozzo e Alessandro Bianchi. L'intenzione è quella di realizzare dei giubbotti di lusso riciclando. E così recuperiamo la pelle da divani in disuso e la fodera interna da paracadute scaduti; il...

Nuovo Apple Macbook Air X

Questo spazio è disponibile per la tua pubblicità su questo sito. Contattaci se desideri inserire la tua attività o il tuo prodotto su gentiluomodigitale.it

Introduzione allo slow food italiano

Un gentiluomo si riconosce anche a tavola, ma non solo dai modi; saper scegliere ed apprezzare cibo di qualità consente di intrattenere i propri ospiti offrendo loro gusto e genuinità, ecco perché abbiamo deciso di offrirti questa breve introduzione allo slow food: un fenomeno tutto italiano che ha conquistato il mondo. Tutto ebbe inizio nel 1986, quando la catena di fast food McDonald’s ha aperto un ristorante vicino alla storica Piazza de Spagna a Roma, per tutta risposta, l’esperto culinario Carlo Petrini ha guidato una protesta di gruppo contro la globalizzazione del fast food. Poco dopo, grazie a lui è nato Slow Food. La missione del movimento Slow Food era proteggere gli interessi dei piccoli produttori alimentari e promuovere il piacere e il gusto del buon cibo e del vino in risposta al dilagante fenomeno del fast food, del cibo spazzatura e delle abitudini frenetiche, non solo alimentari, della vita moderna, Slow Food studia, difende e divulga le tradizioni agricole ed enogastronomiche di ogni parte del mondo.

Una introduzione allo Slow Food non può che incominciare dalla sua filosofia riassumibile facilmente in “cibo buono, pulito ed equo”. Questo significa:

  • Il cibo dovrebbe piacere ai sensi ed essere più che semplicemente “carburante”.
  • Dovrebbe arrivare sui nostri piatti nel modo più pulito e rispettoso dell’ambiente possibile.
  • I nostri produttori alimentari dovrebbero essere compensati equamente per il loro lavoro.

I sostenitori del movimento slow food credono che il cibo debba essere coltivato e acquistato localmente, preparato con cura e consumato con apprezzamento. In un mondo in cui possiamo procurarci cibo economico e trasformato e inghiottirlo senza nemmeno lasciare le nostre macchine, Slow Food sembra un ritorno a un’era diversa.

Preservare la tradizione

Il movimento Slow Food mira a preservare la biodiversità. Petrini e altri credono che la globalizzazione e l’industrializzazione del cibo abbiano portato a standardizzare il gusto e stiano distruggendo molti sapori e varietà alimentari. Il fast food ha sempre lo stesso sapore, indipendentemente da dove lo acquisti. Viaggeresti fino in Italia per mangiare al Burger King? Se lo facessi, gli attivisti di Slow Food insisterebbero sul fatto che ti stai perdendo il cibo locale di stagione, oltre a mancare di rispetto alle tradizioni culinarie della zona.

Un’altra priorità del movimento Slow Food è la promozione del rapporto tra quelli che chiamano “produttori” e “coproduttori” alimentari. La modifica del nome da “consumatore” a “coproduttore” collega l’agricoltore e l’acquirente e rende più attivo un ruolo passivo. I coproduttori sono incoraggiati a conoscere e sostenere i loro agricoltori locali, produttori di formaggi , viticoltori, chiunque fornisca loro la loro cucina locale. Slow Food collabora anche con altre organizzazioni per creare banche di semi, garantendo che le migliaia di varietà di piante in tutto il mondo non si estinguano a causa della globalizzazione, delle malattie o dei disastri.

Educazione al gusto

Un altro aspetto importante del movimento Slow Food è l’ educazione al gusto. Se capisci tutti gli aspetti del tuo cibo e da dove proviene, presumibilmente è più piacevole e significativo quando lo consumi. L’educazione al gusto aiuta le persone a interessarsi più profondamente alla provenienza del loro cibo. Slow Food International organizza seminari ed eventi sull’educazione del gusto. Questi eventi si svolgono nei mercati degli agricoltori, cantine e meleti. Nelle scuole l’educazione al gusto avviene sotto forma di orti scolastici, pranzi scolastici e curricula migliorati.

Controversie

Nessun movimento di attivisti è senza controversie, ovviamente. I critici chiamano l’elite del movimento Slow Food, sottolineando che non tutti possono permettersi di acquistare alimenti biologici coltivati ​​localmente. Dicono che lo slow food non può alimentare economicamente la nostra popolazione globale. L’agricoltura industrializzata produce molto di più per ettaro rispetto all’agricoltura biologica, il che significa che Slow Food potrebbe potenzialmente portare alla deforestazione, poiché avremmo bisogno di più terreni agricoli per produrre più cibo.

I sostenitori di Slow Food combattono il tag “elitario” sottolineando che dobbiamo semplicemente ridistribuire i nostri sentimenti nei confronti del cibo, inserendo un’alimentazione sana sopra case eleganti o vestiti costosi nella nostra lista di esigenze fisiche.

Lo sapevate?

Hai letto:

Introduzione allo slow food italiano

da | Gen 5, 2020 | Gourmet